Comune di
Genola
Comune di
Genola
Comune di
Genola  Unione del Fossanese - Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
CENNI STORICI
di LORENZO CERA
La presenza, al tempo dei Romani, di uno o più vici nel territorio che ai nostri giorni fa parte del Comune di Genola è provata dal rinvenimento di alcune epigrafi riportate nel Corpus inscriptionum latinarum e dagli scritti di monsignor Brizio, il quale, parlando di Giovanni signore di Moncenisio, ipotizzò che anticamente Genola si chiamasse Gavasina o Genesina, come indicava una lapide leggibile nel VI secolo.

Comunque le prime notizie certe su Genola risalgono a un documento del 7 marzo 1033 concernente la donazione di un maso effettuata dal marchese di Susa, Olderico Manfredo II, e dal vescovo di Asti, Alrico, ai monaci del convento di Susa.

All'inizio dell'XI secolo ebbe luogo la fondazione del priorato di San Nazario, che, localmente, costituì un importante centro per l'assistenza spirituale della popolazione, e un punto di riferimento per la diffusione della cultura; la sua erezione risale ai monaci benedettini dell'abbazia dei Santi Vittore e Costanzo di Villar San Costanzo. Con la formazione, nel XII secolo, attorno al monastero di un piccolo centro abitato furono erette le chiese di San Michele e di Santa Maria. Sulle rovine di quest'ultima o nei suoi pressi, verso la prima metà del Quattrocento, i conti Tapparelli fecero costruire la nuova chiesa parrocchiale, posta sotto il titolo di Santa Maria della Rotonda.

Nel 1050 il territorio di Genola faceva parte dei possedimenti della marchesa di Torino, Adelaide, consorte di Oddone I di Savoia, alla quale, con atto del 23 maggio 1078, successe il conte Alberto di Sarmatorio, esponente di prestigio del casato degli Alinei. Seguì un periodo alquanto oscuro durante il quale vediamo primeggiare Robaldo IV, marito della celebre contessa Alisia di Ventimiglia, Sinfredo, Ruffino e Operto; gli ultimi due furono capostipiti delle importanti linee dei Ruffini di Marene e degli Operti di Fossano.

La città di Fossano, sin dalla fondazione avvenuta verso la fine del XII secolo, cercò di incorporare nel proprio comune tutto o parte del territorio di Genola sul quale Savigliano vantava diritti acquisiti da tempo immemorabile. Seguirono lunghe e complesse trattative, che portarono le parti a sottoscrivere, il 10 settembre 1263, un accordo in base al quale Fossano acquisì i due quinti del borgo di Genola; i rimanenti tre quinti rimasero a Savigliano. Questa singolare divisione diede origine, nel corso dei secoli, a liti e a processi che, sovente, per la loro complessità e la difficoltà dei giudici a emettere sentenze, richiesero l'intervento dei sovrani sabaudi. Per porvi fine, nel 1808, Napoleone Bonaparte accordò a Genola l'indipendenza comunale.

La nobile famiglia Tapparelli si stabilì a Genola tra il 1336 e il 1341, al tempo della seconda dominazione angioina. Dopo l'acquisto di estese proprietà terriere, il 27 settembre 1346 tre suoi membri, Gioffredo, Leone e Petrino, ottennero dal siniscalco della regina Giovanna I di Napoli l'autorizzazione a erigere il maestoso castello, che tutt'oggi costituisce il simbolo del paese. L'autorità del casato si consolidò con la concessione, accordata il 18 aprile 1349 dal principe Giacomo d'Acaja, dell'investitura feudale sul territorio al solo Gioffredo, il capostipite dei Tapparelli conti di Genola. I suoi discendenti ottennero, per secoli, il rinnovo di dette investiture; fra i personaggi più celebri ricordiamo Guiono e Brunone dai quali presero avvio, rispettivamente, la seconda linea dinastica dei Tapparelli signori di Genola, e la terza discendenza dei Tapparelli conti di Genola. Nel 1341 Gioffredo Tapparelli accordò a Genola gli statuti comunali, che furono riconfermati dai suoi successori nel 1449. Questi ultimi sono custoditi nell'Archivio storico dell'Opera pia Tapparelli di Saluzzo.

Esercitarono pure diritti feudali su parti di Genola le nobili famiglie dei Gorena di Savigliano, dei Cravetta di Villanovetta, dei Solere di Savigliano, dei Montersino della Morea, dei Valperga di Rivara, dei Canalis di Cumiana, dei Truchi di Levaldigi, dei Taffini d'Acceglio, dei Viancini di Viancino, degli Operti di Fossano e di Cervasca, e dei Galateri di Suniglia e di Genola. Una menzione particolare merita quest'ultima, della quale si hanno notizie sin dal 1150 quando Galateo de' Galateri venne nominato capo dei ghibellini di Savigliano. Molti suoi discendenti primeggiarono nelle armi, nelle lettere, nella religione e nella pubblica amministrazione. Per questi motivi, e per assicurarsi l'appoggio di una famiglia influente, l'imperatore Carlo V, con decreto del 12 ottobre 1529, conferì a Gabriele l'ambito titolo di conte del sacro palazzo lateranense. Fra i numerosi membri di questo casato meritano di essere ricordati Gio Bartolomeo che, con atto del 6 aprile 1510, acquistò dai Tapparelli diversi beni feudali in Genola; Antonio e Girolamo che, il 26 ottobre 1541, conseguirono l'esercizio di diritti su alcuni terreni siti in località Frassinetto; Marc'Aurelio che, nel 1623, ottenne dal duca Carlo Emanuele I l'erezione dei feudi di Suniglia e Genola in contadi transitabili in perpetuo; Carlo Luigi che, l'11 marzo 1791, acquisì per sé e per i suoi eredi i sette dodicesimi dei due quinti del territorio di Genola appartenente alla città di Fossano; Gabriele Giuseppe Maria che, al tempo di Napoleone, per poter continuare a combattere i Francesi, si arruolò nell'esercito dello zar di Russia, conseguendo il grado di generale; Annibale, penultimo discendente della linea sostitutiva dei conti di Suniglia e Genola, celebre pittore e architetto, che, all'inizio del Novecento, progettò e diresse la ristrutturazione della parrocchia di Genola.

Il borgo di Genola rimase coinvolto, dal Basso Medioevo all'Età Contemporanea, in eventi che influenzarono, e talvolta sconvolsero, la vita della popolazione. Uno dei più significativi, anche per comprendere lo spirito del tempo, riguardò la contesa che, nel 1490, coinvolse i Tapparelli e le città di Fossano e di Savigliano per l'acquisizione di 850 giornate di terreno. Quest'ultima, al fine di difendere i propri interessi, inviò un contingente militare a occupare il castello e il borgo di Genola. Seguirono scontri armati che causarono alcuni morti. Gli animi erano eccitati al punto che non fu possibile giungere a un accordo, per cui si rese necessario l'intervento della reggente dello Stato sabaudo, Bianca di Monferrato, che impose al Comune di Savigliano una forte penalità, nonché il pagamento di tutte le spese giudiziarie e dei danni subiti dalla comunità di Genola.

Le vicende, comunque, più gravi riguardarono le guerre, le occupazioni militari, le carestie, le pestilenze e le calamità naturali che, in talune epoche, colpirono la popolazione del nostro borgo in modo così forte da determinare addirittura un sensibile calo demografico. Le cronache riferiscono della grave pandemia che, nel 1347-48, flagellò il sud Piemonte, causando la morte di un terzo della popolazione. Alcuni anni dopo, nel 1360, Genola fu teatro di cruenti scontri armati fra gli eserciti di Giacomo d'Acaja e di Amedeo VI di Savoia; in seguito il centro abitato restò, per un mese, in balia dei mercenari, che lo saccheggiarono e ne bruciarono le case. La cronica penuria di grano si fece particolarmente sentire nel 1432, accentuata nel 1435 da una forte grandinata e nel 1439 dalla siccità; marcatamente funesto fu pure il 1500 per una epizoozia che decimò il bestiame, le alluvioni che danneggiarono i raccolti, e, infine, la peste che mieté molte vittime. Nei primi decenni del Cinquecento la pianura cuneese venne invasa, più volte, dalle truppe del re di Francia Francesco I e dell'imperatore Carlo V, i quali, a ogni passaggio, imposero agli abitanti di Savigliano e dei paesi limitrofi, fra cui Genola, il pagamento di forti contribuzioni. Le condizioni di vita della popolazione migliorarono nella seconda metà di detto secolo per le riforme apportate all'apparato dello stato dal duca Emanuele Filiberto.

Tragici furono pure gli anni che intercorrono fra il 1629 e il 1631, ricordati dagli storici per le battaglie che infuriarono nelle nostre campagne fra gli eserciti francesi e sabaudi; non meno grave fu l'epidemia di peste che flagellò il sud Piemonte, causando la morte di un rilevante numero di persone, fra cui, a Savigliano, del sovrano sabaudo Carlo Emanuele I.

Il Settecento fu molto importante per lo sviluppo urbano del borgo di Genola, in quanto prese avvio, sull'impianto preesistente, quell'espansione edilizia che gradatamente mutò la struttura del centro abitato, portandolo ad assumere l'aspetto che conserva tutt'oggi. L'economia locale risentì positivamente della riorganizzazione su basi moderne della pubblica amministrazione e delle riforme della giustizia, del sistema contributivo e della pubblica assistenza. Più volte, nel corso di questo secolo, la pianura saviglianese tornò a essere il campo di violente battaglie che videro protagonisti gli eserciti del Piemonte, della Francia, dell'Impero austro-ungarico e della Russia. Particolarmente tragica e confusa si fece la situazione a causa delle guerre che, dal 1790 al 1800, sconvolsero l'Europa, delle idee sovversive propagate dalla rivoluzione francese, ma soprattutto della carestia che spinse la popolazione a ribellarsi. Il 5 e il 6 novembre 1799 ebbero luogo, in località Santa Maria e Brantonio di Genola, due sanguinose battaglie che coinvolsero gli eserciti austro-russi e francesi.

Il borgo di Genola, con decreto imperiale firmato da Napoleone l'11 gennaio 1808, ottenne l'indipendenza comunale, a far data dal I dello stesso mese.

L'Ottocento fu caratterizzato dalla diffusione delle idee liberali che portarono, nel 1848, alla concessione della Costituzione Albertina, alla guerra di Crimea, alle guerre di indipendenza e all'avventura coloniale in Africa. Le sofferenze segnarono pure la prima metà del Novecento a causa della guerra di Libia e dei due conflitti mondiali. Durante l'ultimo periodo dell'occupazione nazifascista avvennero alcuni gravi fatti di sangue, fra cui l'eccidio, il 29 aprile 1945, di quindici persone, undici delle quali bruciate vive in una casa sulla strada per Fossano. Nei mesi precedenti altri sei Genolesi erano stati uccisi in azioni conseguenti la guerra.

Durante i trascorsi ultimi due secoli, pur tra notevoli difficoltà, furono realizzate, nel territorio comunale, alcune grandi opere pubbliche e attivati importanti servizi, che contribuirono a migliorare in modo graduale il tenore di vita della popolazione. Infine, dal 1970 ai giorni nostri, l'abitato di Genola è al centro di un notevole sviluppo edilizio, favorito dall'insediamento di molte aziende commerciali, artigiane e della grande distribuzione. Ciò ha consentito una radicale trasformazione dell'economia locale, non più legata alla sola agricoltura, ma a molte altre attività produttive.

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Genola
Via Roma, 25 - 12040 Genola (CN)
Tel: 0172.68144
Fax: 0172.68858
P.E.C.: genola@cert.ruparpiemonte.it
Email: info@comune.genola.cn.it
Partita IVA: 00464700046
Email: info@comune.genola.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UFGM6T
Codice ISTAT: 004096
Codice catastale: D967
Codice fiscale: 00464700046
Partita IVA: 00464700046
Conto Corrente Postale: 15828122
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 88 Z 06305 46851 000000891685
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento