Comune di
Genola
Comune di
Genola
Comune di
Genola  Unione del Fossanese - Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
Conferimenti della cittadinanza onoraria
Il 22 novembre 1997, in occasione della cerimonia per la presentazione del libro di Lorenzo Cera dal titolo Genola, dalle origini alle soglie del Duemila, ha avuto luogo il conferimento della cittadinanza onoraria a tre personalità che, direttamente o indirettamente, hanno rivestito un ruolo importante nella storia di Genola. Si tratta del conte Gabriele Maria Galateri di Genola, di don Giulio Madurini e di don Giovanni Battista Genesio. Il primo, discendente da un'antica e nobile famiglia piemontese che per secoli esercitò diritti feudali su Genola, ha ricoperto le importanti cariche di amministratore delegato dell'Ifi-Ifil e di presidente di Mediobanca; attualmente è presidente di Telecom Italia. I due sacerdoti, giovani curati a Genola nella primavera del 1945, sono ancora oggi ricordati per l'abnegazione con cui si prodigarono onde prevenire l'eccidio e alleviare le sofferenze della popolazione durante e dopo l'occupazione nazifascista.
Di rilevante importanza è pure stata la cerimonia del 9 febbraio 2002 per la presentazione del nuovo stemma e del gonfalone del comune ideati da Lorenzo Cera, e del conferimento della cittadinanza onoraria allo stesso Lorenzo Cera, al conte Marco Aurelio Galateri di Genola e a don Antonio Grasso. Nel contempo è stato presentato il libro Ricette e immagini della memoria - recetas e imagenes de la memoria scritto da Maria Teresa Origlia per raccogliere fondi da destinare al gemellaggio con la città argentina di Marcos Juárez. Le tre personalità sopra menzionate hanno meritato l'onorificenza, Lorenzo Cera, per la pubblicazione dei libri sulla storia di Genola e degli altri paesi della cintura Saviglianese; Marco Aurelio Galateri, per gli intensi rapporti che ha sempre intrattenuto con la comunità locale, così da costituire un esempio della capacità di coniugare grandi responsabilità di imprenditore di successo con la saldezza delle proprie radici; don Antonio Grasso, per essere stato, dal 1970 al 1999, zelante parroco e guida della comunità di Genola, oltre a punto di riferimento per l'intera popolazione quanto a fervore religioso e impegno nella catechesi.
 
        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Genola
Via Roma, 25 - 12040 Genola (CN)
Tel: 0172.68144
Fax: 0172.68858
P.E.C.: genola@cert.ruparpiemonte.it
Email: info@comune.genola.cn.it
Partita IVA: 00464700046
Email: info@comune.genola.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UFGM6T
Codice ISTAT: 004096
Codice catastale: D967
Codice fiscale: 00464700046
Partita IVA: 00464700046
Conto Corrente Postale: 15828122
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 88 Z 06305 46851 000000891685
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento